Skyline Riviera dei Cedri

Esperienza Foto Trekking

Foto Trekking Mare

Le Bellezze della Riviera dei Cedri

Durata
6 Ore

Punti d'Interesse dell'Itinerario

  • Palazzo dei Principi, Residenza estiva della famiglia Spinelli di Scalea, struttura del XVIII secolo, in stile barocco.
  • Torre Crowford, Torre d’avvistamento costruita nel XVI secolo a difesa delle frequenti incursioni dei Pirati.
  • Arcomagno, Scenario seducente, una spiaggia silenziosa, nascosta e solitaria cornice di roccia viva, che al suo interno ha una sorgente d’acqua dolce, e davanti un mare cristallino dove tuffarsi.

Come si svolge l'esperienza:

Vi accompagneremo nel primo punto d’interesse da dove inizierete la suggestiva passeggiata, una collinetta sul mare tra la Torre Crawford e il Palazzo de Principi, da qui potrete ammirare l’intero percorso della vostra escursione, e scattare foto uniche. Dopo ci sposteremo sulla spiaggia di san Nicola, da dove potrete raggiungere l’Arcomagno e la sua grotta nella quale vi è una sorgente d’acqua dolce, la grotta di Enea, dalla quale attraverso un tunnel potrete accedere alla spiaggia del Prete e alla sua omonima Grotta.


Palazzo dei Principi

Il Palazzo del Principe fatto costruire alla fine del XVIII secolo, rappresentava la residenza estiva dei signori di Scalea, la famiglia Spinelli che oltre ad essere famosa militarmente è conosciuta anche per le opere letterarie del Principe Francesco Maria Spinelli nato da Antonio e Beatrice Carafa. Il principe Antonio Spinelli, vissuto all’epoca dell’Inquisizione ampliò il feudo acquistando nel 1768 anche quello di Aieta .

Il palazzo fu costruito nella contrada Dino sulla probabile ex platea di una villa romana. Il principe Scordia Pietro Lanza Branciforte, appartenente ad un ramo, quello dei principi di Trabia dell’antica nobile famiglia siciliana dei Lanza di Palermo, ereditò tutto il feudo sposando il 29 giugno 1832 Eleonora Caracciolo Principessa di Scalea, Marchesa di Majorca ultima erede degli Spinelli. Il palazzo si trova al margine settentrionale dell’altopiano che volge verso capo Scalea.. Si tratta di una struttura in stile barocco a pianta quadrata attualmente in restauro, che serviva da residenza al piano superiore, e da deposito di derrate alimentari al piano terra. Pur essendo adibito a tal uso, non mancano nell’imponente struttura ( lunghezza 30 metri, larghezza 36 metri) elementi architettonici di grande pregio, ovvero il portale d’ingresso, dominato da una superba serie di archi e il cortile, terminante con una scala adornata da simmetrici elementi.


  

Torre Crowford

Le torri di vedetta, numerose sulle nostre coste, furono costruite dal Viceregno Spagnolo sullo scorcio del ‘500, per tentare una difesa dalle frequenti incursioni delle orde dei pirati.

Oggi costituiscono un patrimonio architettonico d’autentica bellezza, che racchiude spesso piacevoli memorie d’ordine storico o talora letterario, com’è il caso, ad esempio, della Torre Saracena di S. Nicola Arcella, situata sopra un contrafforte che protegge la baia del porto naturale del paese.

L’alta scalinata che porta al primo piano e al secondo piano della torre rappresenta uno degli elementi più importanti di tutta la costruzione. I blocchi di pietra lunghi circa 50 cm e larghi 20 cm, sono sorretti da due grandi archi sovrapposti. Il primo arco immette nel primo piano, il secondo arco immette nel secondo piano. Sopra la torre, il terrazzo serviva per comunicare e avvertire le altre torri di vedetta su eventuali incursione e ciò avveniva tramite grandi falò.


  

Arcomagno San Nicola Arcella

La spiaggia di San Nicola Arcella Arcomagno è sicuramente una delle destinazioni più apprezzate dell’alto tirreno calabrese e tra le spiagge più belle della Calabria. Uno sperone di roccia alta circa 100 metri sul livello del mare, offre un panorama mozzafiato sull’incantevole costa calabrese, abbracciando la vicina Isola di Dino e il circondario che comprendo l’intero golfo di Policastro. La piccola spiaggetta della Marinella è la più vicina per arrivare all’Arco Magno di San Nicola Arcella, noto anche come Grotta del Saraceno. Un vero monumento naturale, scolpito dall’effetto erosivo del mare nel corso dei secoli.

Sappiate che la striscia di spiaggia della Marinella di San Nicola Arcella è occupata per la maggior parte dagli ombrelloni dei lidi che offrono servizio parcheggio auto, bar, ristorazione e ombrelloni. La parte centrale e la zona ubicata proprio ai piedi del costone roccioso è la spiaggia libera di San Nicola Arcella che si affolla, inevitabilmente, in poco tempo, soprattutto in alta stagione. Ma non demordete, un posto salta fuori sempre. Sulla stradina che costeggia il mare è presente un parcheggio a pagamento gestito da alcuni ragazzi. Le spiagge libere di San Nicola Arcella sono davvero poche, come già detto e gli spazi si alternano tra i pezzi di lido privati. La spiaggia libera centrale è sabbiosa, mentre, al contrario, il tratto finale è costituito prevalentemente da ciottoli e parte di scogliera. La spiaggia finale, soprattutto per la presenza dei massi, è forse la preferita dai bagnanti, molto probabilmente per le vicinanze con il costone roccioso e la Grotta dell’Arco Magno o del Saraceno.


  


Altre Esperienze che Potrebbero Interessarti

Volo in Parapendio

Spiaggia dell'Arcomagno.

Esperienza unica! il piacere di planare tra Calabria e Basilicata

Scopri di più

Percorso Storico

Dal Paleolitico Superiore ad Oggi.

Torre Talao, Parco Laos , e Papasidero per visitare la Grotta del Romito.

Scopri di più

Scalea - Praia a Mare

In barca tra le Isole calabresi.

Tra l'Isola di Cirella e l'Isola di Dino, da Scalea un'escursione lungo la riviera dei cedri.

Scopri di più